Anche la Campania si schiera contro le gabbie!

Sono già tre le regioni italiane ad aver preso posizione contro questo metodo di allevamento crudele e sempre meno difendibile.

La Regione Campania prende posizione a favore della transizione verso sistemi di allevamento che non prevedano l’uso delle gabbie. Il Consiglio regionale della Campania ha infatti approvato una risoluzione con la quale impegna il Governo regionale sull’abolizione delle gabbie negli allevamenti sul territorio regionale.

Il primo consiglio regionale a prendere posizione sul tema era stato quello dell’Emilia-Romagna, che nel maggio del 2021 aveva adottato una Risoluzione per l’abolizione delle gabbie sul territorio regionale, a prima firma della Consigliera Silvia Zamboni (Europa Verde); subito dopo anche in Abruzzo era stata accolta la Risoluzione presentata dal Consigliere Domenico Pettinari (M5S).

Verso un’Europa senza gabbie

Queste prese di posizione rappresentano soltanto un primo passo simbolico ma possono comunque contribuire a rendere più vicino il giorno in cui finalmente l’obiettivo di mettere al bando le gabbie sarà reso realtà. Vietare l’allevamento in gabbia è infatti imprescindibile per dare senso alla locuzione “benessere animale” poiché questi sistemi di contenzione sottopongono gli animali a stress e sofferenza inutile, negando loro la possibilità di esprimere comportamenti naturali basilari.

Dal 2018 insieme a oltre 160 ONG in Italia e in Europa siamo impegnati per il raggiungimento di questo progresso attraverso l’iniziativa dei cittadini europei “End the Cage Age” e l’adesione alla coalizione di organizzazioni italiane che continuano a impegnarsi affinché il nostro Paese dia il buon esempio a livello europeo.

L’utilizzo delle gabbie per allevare galline, scrofe, conigli, quaglie e vitelli appare sempre meno giustificabile anche alla luce della maggiore attenzione dei cittadini verso il benessere animale: sempre più persone si esprimono nei sondaggi ufficiali chiedendo che agli animali venga garantita una vita dignitosa.

Aiutaci a costruire il mondo in cui le esigenze, gli interessi e la dignità degli altri animali saranno presi in considerazione e tutelati dalla legge.

LEGGI ANCHE

Pubblicata la nostra ricerca sulla macellazione rituale

Diffondiamo oggi un ampio dossier multidisciplinare destinato a far conoscere la problematica poco nota della macellazione rituale senza stordimento. Si tratta del più ampio...

I maiali potranno essere registrati come animali da compagnia!

A inizio mese è stata resa finalmente disponibile la possibilità di censire in anagrafe zootecnica suini o cinghiali non destinati alla produzione di alimenti....

Non è un pesce d’aprile! Il “benessere animale” è in serio pericolo

Un vero inganno: questa la denuncia portata avanti da una coalizione di 14 associazioni contro il decreto interministeriale prossimo all’approvazione con il quale verrà...

Attiviamoci contro le #BugieInEtichetta!

Insieme ad altre 13 ONG abbiamo lanciato lo scorso ottobre una campagna per chiedere la modifica della bozza di decreto ministeriale predisposta per l’introduzione...

Le nostre attività di ricerca presentate a Helsinki e Porto

Siamo lieti di informare che Animal Law Italia sarà alla conferenza "Theory of Animal Law" che si svolgerà il 17 e 18 giugno presso l'Università di Helsinki, con due relazioni rispettivamente a cura di Annalisa di Mauro e Daria Vitale. La dott.ssa Di Mauro, nostra...

Resta aggiornato!

Ricevi via email i principali aggiornamenti sul nostro lavoro e tutti i più importanti progressi dei diritti animali in Italia e nel mondo.

Rispettiamo la tua privacy e proteggiamo i tuoi dati personali. Leggi l'informativa.