Grecia: la macellazione rituale diventa fuorilegge

Il Consiglio di Stato ellenico ha accolto il ricorso di una ONG per i diritti animali.

Il Consiglio di Stato della Grecia ha annullato la deroga che consentiva la macellazione rituale senza stordimento per finalità religiose. Lo comunica la Panhellenic Animal Welfare and Environmental Federation (PFPO), che racchiude oltre 66 organizzazioni attive nella tutela degli animali in Grecia e che nel 2017 aveva fatto ricorso chiedendo l’annullamento del decreto interministeriale che aveva ha definito le misure aggiuntive necessarie per l’attuazione del Regolamento europeo (CE) 1099/2009 per le macellazioni di tipo religioso.

Con sentenza n° 1751/2021 la Corte ha accolto il ricorso e annullato il decreto interministeriale impugnato, ritenendo che l’atto fosse stato emanato in violazione della legislazione nazionale, interpretata secondo lo spirito della normativa europea costituita dal Regolamento (CE) 1099/2009 e dai principi sanciti nell’art. 13 del Trattato di Lisbona. La corretta applicazione di queste norme richiederebbe che gli animali vengano storditi prima della macellazione, al fine di rendere l’intera procedura il più indolore possibile.

Secondo i giudici, nel regolamentare la macellazione religiosa, il legislatore ellenico non sarebbe riuscito a trovare un equilibrio tra il dovere di proteggere gli animali e quello di rispettare la libertà religiosa dei musulmani e degli ebrei che vivono in Grecia. 


Un difficile equilibrio

Il diritto europeo tutela il diritto alla libertà di praticare la propria religione, come sancito dall’articolo 10 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea. In tale ottica si colloca la deroga all’obbligo di stordimento per la macellazione rituale, a condizione che sia garantito il benessere degli animali e che la macellazione avvenga in un macello.

Tuttavia, il Regolamento 1099/2009 fornisce un certo margine alla sussidiarietà in ciascuno Stato membro per imporre norme più rigorose, persino vietando la macellazione senza stordimento, come avviene in alcuni Stati membri.

La soluzione adottata dal Belgio e ritenuta valida anche dalla Corte di Giustizia dell’UE con una sentenza del dicembre 2020 consiste nell’utilizzo dello stordimento “reversibile”, cioè l’elettronarcosi, che non determina la morte istantanea dell’animale.


Cosa accadrà?

Adesso il ministero dovrà informare le autorità locali, che dovranno revocare le licenze per la macellazione senza stordimento, che è diventata immediatamente illegale in Grecia.

Il legislatore potrà tornare a disciplinare la materia ma nel farlo dovrà trovare una soluzione che consenta di rispettare al tempo stesso le richieste delle organizzazioni che si battono per il benessere animale con le esigenze delle comunità religiose ebraica ed islamica, il che potrebbe spingere ad una soluzione sul modello belga.

Aiutaci a costruire il mondo in cui le esigenze, gli interessi e la dignità degli altri animali saranno presi in considerazione e tutelati dalla legge.

LEGGI ANCHE

Pubblicata la nostra ricerca sulla macellazione rituale

Diffondiamo oggi un ampio dossier multidisciplinare destinato a far conoscere la problematica poco nota della macellazione rituale senza stordimento. Si tratta del più ampio...

I maiali potranno essere registrati come animali da compagnia!

A inizio mese è stata resa finalmente disponibile la possibilità di censire in anagrafe zootecnica suini o cinghiali non destinati alla produzione di alimenti....

Non è un pesce d’aprile! Il “benessere animale” è in serio pericolo

Un vero inganno: questa la denuncia portata avanti da una coalizione di 14 associazioni contro il decreto interministeriale prossimo all’approvazione con il quale verrà...

Attiviamoci contro le #BugieInEtichetta!

Insieme ad altre 13 ONG abbiamo lanciato lo scorso ottobre una campagna per chiedere la modifica della bozza di decreto ministeriale predisposta per l’introduzione...

Le nostre attività di ricerca presentate a Helsinki e Porto

Siamo lieti di informare che Animal Law Italia sarà alla conferenza "Theory of Animal Law" che si svolgerà il 17 e 18 giugno presso l'Università di Helsinki, con due relazioni rispettivamente a cura di Annalisa di Mauro e Daria Vitale. La dott.ssa Di Mauro, nostra...

Resta aggiornato!

Ricevi via email i principali aggiornamenti sul nostro lavoro e tutti i più importanti progressi dei diritti animali in Italia e nel mondo.

Rispettiamo la tua privacy e proteggiamo i tuoi dati personali. Leggi l'informativa.