I maiali potranno essere registrati come animali da compagnia!

A inizio mese è stata resa finalmente disponibile la possibilità di censire in anagrafe zootecnica suini o cinghiali non destinati alla produzione di alimenti. Di fatto, questi animali saranno considerati a tutti gli effetti come animali da compagnia da parte delle pubbliche autorità.

D’ora in poi, gli animali presenti in rifugi e fattorie didattiche saranno finalmente riconosciuti per quello che sono: esseri senzienti che hanno tutto il diritto di vivere la propria vita fino alla sua fine naturale, senza dover subire alcuna forma di violenza da parte umana.

Va tuttavia precisato che questa modifica non esime chiunque intenda tenere anche un singolo maiale per finalità non alimentari (e quindi come animale da compagnia) dall’obbligo di adempiere a tutti gli adempimenti burocratici di registrazione come azienda zootecnica e quindi a dichiarare l’apertura di un allevamento, con attribuzione del relativo “codice stalla”.

Il prossimo passo che da tempo auspichiamo è proprio il pieno riconoscimento della specificità dei santuari per animali salvati dal macello, che attualmente sono appunto assimilati agli allevamenti, nonostante abbiano uno scopo sia totalmente antitetico rispetto a questi.

Per conoscere il percorso che ha portato a questa importante modifica e altre considerazioni, leggi l’articolo di approfondimento sulla nostra rivista.

Aiutaci a costruire il mondo in cui le esigenze, gli interessi e la dignità degli altri animali saranno presi in considerazione e tutelati dalla legge.

LEGGI ANCHE

Pubblicata la nostra ricerca sulla macellazione rituale

Diffondiamo oggi un ampio dossier multidisciplinare destinato a far conoscere la problematica poco nota della macellazione rituale senza stordimento. Si tratta del più ampio...

Non è un pesce d’aprile! Il “benessere animale” è in serio pericolo

Un vero inganno: questa la denuncia portata avanti da una coalizione di 14 associazioni contro il decreto interministeriale prossimo all’approvazione con il quale verrà...

Attiviamoci contro le #BugieInEtichetta!

Insieme ad altre 13 ONG abbiamo lanciato lo scorso ottobre una campagna per chiedere la modifica della bozza di decreto ministeriale predisposta per l’introduzione...

Una nuova coalizione contro le gabbie in Italia e in Europa

L'iniziativa dei cittadini europei "End the Cage Age" ha fatto tremare le sbarre delle gabbie negli allevamenti. Ora spezziamole del tutto!

Le nostre attività di ricerca presentate a Helsinki e Porto

Siamo lieti di informare che Animal Law Italia sarà alla conferenza "Theory of Animal Law" che si svolgerà il 17 e 18 giugno presso l'Università di Helsinki, con due relazioni rispettivamente a cura di Annalisa di Mauro e Daria Vitale. La dott.ssa Di Mauro, nostra...

Resta aggiornato!

Ricevi via email i principali aggiornamenti sul nostro lavoro e tutti i più importanti progressi dei diritti animali in Italia e nel mondo.

Rispettiamo la tua privacy e proteggiamo i tuoi dati personali. Leggi l'informativa.