Jane Goodall e oltre 140 scienziati chiedono all’UE di vietare l’allevamento in gabbia

Anche 12 italiani tra i firmatari della lettera a sostegno dell'iniziativa dei cittadini europei "End the Cage Age"

In una lettera alla Commissione europea, gli scienziati dichiarano di sostenere pienamente la richiesta di 1,4 milioni di persone che hanno recentemente firmato l’Iniziativa dei cittadini europei End the Cage Age, lanciata da una coalizione di 170 ONG europee sotto la guida di Compassion in World Farming. L’iniziativa esorta l’UE a eliminare gradualmente l’uso di tutte le gabbie negli allevamenti.

La dottoressa Goodall, etologa e conservazionista di fama mondiale nominata anche Messaggera di pace delle Nazioni Unite, ha rilasciato la seguente dichiarazione a sostegno della nostra richiesta:

La maggior parte delle persone oggi comprende che gli uccelli sono esseri senzienti. Abbiamo osservato galline salvate da allevamenti intensivi – ognuna aveva una personalità distinta, tutte mostravano emozioni come il piacere e la paura. Un numero crescente di ricerche scientifiche lo sostiene, e non c’è dubbio che la vita racchiusa in una piccola gabbia causi grandi sofferenze. L’UE deve agire a nome dei milioni di galline e altri animali trattati in questo modo crudele.

Nonostante il Trattato dell’UE riconosca gli animali come esseri senzienti, oltre 300 milioni di maiali, galline, conigli, anatre e quaglie sono rinchiusi in gabbia in tutta Europa. Nella maggior parte dei casi, le gabbie sono ambienti squallidi, angusti e gli animali non hanno lo spazio per muoversi liberamente.

La ricerca scientifica mostra che le gabbie hanno effetti negativi gravi sul benessere degli animali, che la lettera descrive in dettaglio. L’abbandono dell’allevamento in gabbia porterebbe un cambiamento epocale nel nostro sistema alimentare e di allevamento a beneficio di centinaia di milioni di animali all’anno.

Siamo orgogliosi dell’autorevole sostegno della dott.ssa Jane Goodall, che si unisce agli oltre 140 scienziati europei che chiedono di abolire definitivamente l’utilizzo delle gabbie negli allevamenti. Il nostro Presidente, avv. Alessandro Ricciuti, ha così commentato:

Confidiamo che dopo questo ulteriore passo la Commissione saprà interpretare nel modo migliore la richiesta di oltre 1,4 milioni di cittadini europei che hanno sostenuto l’Iniziativa promossa da oltre 170 organizzazioni in tutta Europa. Si tratta di un passaggio fondamentale per eliminare la sofferenza di centinaia di milioni di animali ogni anno.

Aiutaci a costruire il mondo in cui le esigenze, gli interessi e la dignità degli altri animali saranno presi in considerazione e tutelati dalla legge.

LEGGI ANCHE

Theory of Animal Law Conference 2022

Un’occasione preziosa di dibattito e approfondimento, per unire le forze verso l’avanzamento della tutela legale degli animali in Europa e nel mondo.

Il nostro 2022: un anno di grandi passi in avanti!

Tanti i nuovi progetti avviati, in un'ottica di lavoro interdisciplinare e collaborazione strategica con partner italiani ed europei.

La sofferenza dei conigli allevati in gabbia per la carne

La coalizione italiana a sostegno dell'abolizione delle gabbie negli allevamenti diffonde oggi una nuova investigazione realizzata in sette allevamenti italiani di conigli da carne...

Stop pellicce in Europa: un obiettivo sempre più credibile

Lanciata oggi una nuova Iniziativa dei Cittadini Europei che chiede di mettere al bando in via definitiva produzione e commercializzazione di pellicce in tutta l'Unione Europea.

A Roma per chiedere un Commissario europeo per il Benessere Animale

Martedì 28 giugno alle ore 10:00 si terrà a Roma presso la Sala delle Bandiere dell’Ufficio di Rappresentanza del Parlamento Europeo in Italia l’evento “Il benessere animale nelle politiche europee e italiane: le sfide future e la necessità di un Commissario europeo dedicato”, promosso da...

Resta aggiornato!

Ricevi via email i principali aggiornamenti sul nostro lavoro e tutti i più importanti progressi dei diritti animali in Italia e nel mondo.

Rispettiamo la tua privacy e proteggiamo i tuoi dati personali. Leggi l'informativa.