TRASPARENZA

Bilanci e comunicazioni sociali

Previsioni 2022

L’associazione ha richiesto l’iscrizione nel Registro Unico Nazionale del Terzo Settore e conta di poter lanciare una campagna 5×1000 nel corso del 2022. Contiamo inoltre di poter far crescere la raccolta fondi attraverso un costante incremento delle elargizioni da privati. A tal fine, verrà lanciata una specifica campagna rivolta all’acquisizione di sostenitori regolari. In aggiunta, si parteciperà a bandi specifici per l’ottenimento di grant di fondazioni straniere per il finanziamento di specifici progetti. Maggiori risorse economiche potrebbero consentire di incrementare l’organico nell’ambito del settore ricerca, per l’area comunicazione e per l’attività di campaigning.

Resoconto parziale per il 2021

Nel 2021 la raccolta fondi ha visto un deciso incremento con una cifra superiore a 50.000 euro, principalmente a causa dell’ottenimento di un finanziamento a fondo perduto da una fondazione americana. In leggero aumento anche la raccolta fondi da privati. Le maggiori risorse disponibili hanno consentito a partire dal mese di novembre di sostenere il costo del lavoro di un dipendente (project manager) per coordinare le attività di ricerca e advocacy rivolte al progresso legislativo nel settore degli animali da reddito.

Bilancio 2020

Nel 2020 la stragrande maggioranza delle entrate è derivante da donazioni (€ 10.058). Di queste, una parte preponderante (€ 7.500) è costituita da erogazioni ricevute da parte di altre associazioni non-profit (ODV, APS) iscritte ad ALI per il sostegno di specifici progetti; la restante parte (€ 2.558) è costituita da elargizioni liberali una tantum provenienti da privati.

Abbiamo destinato il 94,35% delle entrate alla realizzazione delle attività tipiche (campagne, progetti, sito web). Le spese per eventi sono risultate assenti in quanto la pandemia non ha consentito la realizzazione di iniziative in presenza, sebbene già programmate. Si precisa che gli oneri connessi agli eventi online sono inseriti sotto la voce “Progetti e campagne”, così come le spese legate all’attività di comunicazione (invio newsletter, acquisto immagini stock, compensi professionali) e le licenze software.

L’Associazione si è avvalsa per alcuni mesi di un libero professionista in regime di collaborazione occasionale per mansioni di supporto all’attività di comunicazione online (il relativo importo è stato quindi inserito all’interno della voce “Progetti e campagne”). Non vi sono altre spese per prestazioni lavorative, in quanto non disponiamo di personale stipendiato. Nel 2020 i volontari hanno operato esclusivamente online e non hanno avanzato richieste di rimborsi per eventuali spese anticipate. Alcuni soci hanno anticipato spese per conto dell’associazione delle quali hanno ritenuto di non chiedere il rimborso, motivo per il quale non ne è stata data evidenza nel bilancio.

L’esercizio 2020 si è chiuso lievemente in perdita, che risulta totalmente compensata dall’avanzo dello scorso esercizio.