Svolta animalista in Francia: vieterà la triturazione dei pulcini maschi dal 2022

Lo ha annunciato il ministro dell’Agricoltura. Seguirà la scia di Germania e Svizzera.

La Francia si prepara a emanare uno storico provvedimento col quale vieterà la triturazione dei pulcini maschi da parte degli allevamenti di galline ovaiole.

A comunicarlo è stato l’attuale ministro all’Agricoltura Julien Denormandie, deciso a dar concreto seguito alle promesse del predecessore Didier Guillaume.


Il problema

Nella filiera ovaiola i pulcini maschi sono considerati privi di rilevanza, sia per la biologica impossibilità a convertirsi in futuri produttori di uova, sia per via della crescita lenta che li rende poco desiderabili per la produzione di carne.

Ciò comporta che, immediatamente dopo la schiusa, vengano uccisi circa 50 milioni di pulcini all’anno nel solo paese transalpino.

Il decreto attuativo tanto atteso dovrebbe porre fine a questa strage legalizzata a partire, secondo le parole del ministro, dal primo gennaio 2022.


La soluzione

Per debellare questa macabra consuetudine si ricorrerà alla spettrofotometria. Si tratta di una tecnica di recente scoperta che consente di individuare il sesso del pulcino già durante la fase dell’incubazione, a seconda del colore delle prime piume degli embrioni maschi.

In questo modo si potranno distruggere le uova indesiderate, che celano i futuri maschi, senza attenderne la schiusa.


Tendenza

La Francia sarà il secondo paese europeo dopo la Germania a vietare la triturazione. Anche la Svizzera ha già proibito lo sminuzzamento, ma consente ancora che i pulcini siano uccisi per gasazione.


Costi

Le conseguenze per i consumatori saranno minime. Si stima che il prezzo di ogni confezione di uova aumenterà di circa 1 centesimo. Significativamente più cospicuo, invece, il costo che dovrà sopportare lo Stato, pronto a stanziare 10 milioni di euro per aiutare gli agricoltori ad acquistare le attrezzature necessarie.

Un sacrificio, tuttavia, non più procrastinabile.

Aiutaci a costruire il mondo in cui le esigenze, gli interessi e la dignità degli altri animali saranno presi in considerazione e tutelati dalla legge.

LEGGI ANCHE

La sofferenza dei conigli allevati in gabbia per la carne

La coalizione italiana a sostegno dell'abolizione delle gabbie negli allevamenti diffonde oggi una nuova investigazione realizzata in sette allevamenti italiani di conigli da carne...

Stop pellicce in Europa: un obiettivo sempre più credibile

Lanciata oggi una nuova Iniziativa dei Cittadini Europei che chiede di mettere al bando in via definitiva produzione e commercializzazione di pellicce in tutta l'Unione Europea.

Le nostre attività di ricerca presentate a Helsinki e Porto

Siamo lieti di informare che Animal Law Italia sarà alla conferenza "Theory of Animal Law" che si svolgerà il 17 e 18 giugno presso...

Pubblicata la nostra ricerca sulla macellazione rituale

Diffondiamo oggi un ampio dossier multidisciplinare destinato a far conoscere la problematica poco nota della macellazione rituale senza stordimento. Si tratta del più ampio...

Il nostro 2022: un anno di grandi passi in avanti!

Tanti i nuovi progetti avviati, in un'ottica di lavoro interdisciplinare e collaborazione strategica con partner italiani ed europei.

Resta aggiornato!

Ricevi via email i principali aggiornamenti sul nostro lavoro e tutti i più importanti progressi dei diritti animali in Italia e nel mondo.

Rispettiamo la tua privacy e proteggiamo i tuoi dati personali. Leggi l'informativa.