In Germania nuovo lockdown dopo l’esplosione di un focolaio in un mattatoio

La struttura è situata nel Nord-Ovest del Paese. Sono almeno 1.550 i lavoratori contagiati e 7.000 i familiari in quarantena.

In Germania scatta un nuovo lockdown nel distretto di Gütersloh (Renania Settentrionale-Vestfalia) dopo che è esploso un nuovo focolaio di covid-19 nel mattatoio Tönnies, con almeno 1.550 lavoratori contagiati e 7.000 familiari in quarantena.

L’infezione è molto localizzata e sono pochi i casi esterni al macello, tuttavia la crescita del contagio ha indotto le autorità a questa misura precauzionale estrema, che coinvolgerà 360.000 persone almeno per una settimana (fino al 30 giugno), per evitare che il virus possa diffondersi ulteriormente all’interno del Land. Le regole sono le stesse che valevano a marzo: divieto di assembramenti, chiusura di bar, palestre, cinema, teatri, musei, mentre i ristoranti potranno servire i membri di una stessa famiglia. Scuole e asili erano già stati chiusi nei giorni scorsi. Misure restrittive sono state prese anche nel vicino distretto di Warendorf.

Il mattatoio di Rheda-Wiedenbrück, il più grande d’Europa, è una struttura ad elevata meccanizzazione capace di uccidere e smembrare 20.000 animali al giorno. Oggi è chiuso a tempo indeterminato, in attesa del contenimento del contagio.⁠

Il virus si sarebbero diffuso soprattutto tra gli addetti al sezionamento delle carcasse in tagli più piccoli, che lavorano in file serrate lungo un nastro trasportatore. Anche se questi operai indossano tute, guanti e mascherine, l’estrema vicinanza e la temperatura costante di 12 °C si sarebbero rivelate condizioni ideali per la diffusione del contagio.⁠ In aggiunta, alcuni filmati diffusi sui social network e datati inizio aprile mostrano i lavoratori accalcati in sala mensa.

Molti degli operai sono lavoratori interinali immigrati dall’Est Europa (in maggioranza rumeni e polacchi) che ricevono salari inferiori al minimo garantito e vivono in case dormitorio, in condizioni di elevata promiscuità; spesso raggiungono il posto di lavoro su pullman sovraffollati, gestiti dalle stesse imprese che li hanno assunti.⁠

Un abisso di desolazione anche umana, riguardo alla quale il Ministro federale del Lavoro Hubertus Heil ha annunciato un divieto di esternalizzare la manodopera nei mattatoi, che dovrebbe entrare in vigore a partire dal prossimo anno.

Foto: Brusonja su iStock

Aiutaci a costruire il mondo in cui le esigenze, gli interessi e la dignità degli altri animali saranno presi in considerazione e tutelati dalla legge.

LEGGI ANCHE

Theory of Animal Law Conference 2022

Un’occasione preziosa di dibattito e approfondimento, per unire le forze verso l’avanzamento della tutela legale degli animali in Europa e nel mondo.

Il nostro 2022: un anno di grandi passi in avanti!

Tanti i nuovi progetti avviati, in un'ottica di lavoro interdisciplinare e collaborazione strategica con partner italiani ed europei.

La sofferenza dei conigli allevati in gabbia per la carne

La coalizione italiana a sostegno dell'abolizione delle gabbie negli allevamenti diffonde oggi una nuova investigazione realizzata in sette allevamenti italiani di conigli da carne...

Stop pellicce in Europa: un obiettivo sempre più credibile

Lanciata oggi una nuova Iniziativa dei Cittadini Europei che chiede di mettere al bando in via definitiva produzione e commercializzazione di pellicce in tutta l'Unione Europea.

A Roma per chiedere un Commissario europeo per il Benessere Animale

Martedì 28 giugno alle ore 10:00 si terrà a Roma presso la Sala delle Bandiere dell’Ufficio di Rappresentanza del Parlamento Europeo in Italia l’evento “Il benessere animale nelle politiche europee e italiane: le sfide future e la necessità di un Commissario europeo dedicato”, promosso da...

Resta aggiornato!

Ricevi via email i principali aggiornamenti sul nostro lavoro e tutti i più importanti progressi dei diritti animali in Italia e nel mondo.

Rispettiamo la tua privacy e proteggiamo i tuoi dati personali. Leggi l'informativa.