Francia: approvata nuova legge a tutela del benessere animale

Stop alla vendita di cani e gatti nei negozi, pene più severe per maltrattamenti e abbandoni. Divieti anche su produzione di pellicce, circhi e parchi acquatici.

Non si placa l’ondata di provvedimenti filo-animalisti in Francia.

Dopo la recente svolta all’interno dell’industria ovaiola, il Parlamento transalpino ha approvato un disegno di legge che inciderà in modo significativo in materia di benessere animale.


TUTELA DEI PET E PENE PIÙ SEVERE – Il testo normativo prevede un insieme di misure che entreranno in vigore gradualmente.

A partire dal 2024 sarà vietata la vendita di cuccioli di cane e di gatto nei negozi, così come l’esposizione degli animali in vetrina. Inoltre, per chi intenda acquistare un pet da un allevamento sarà istituito un certificato di conoscenza, attraverso il quale fornire specifiche informazioni sulla specie adottata, così da favorire un’adozione maggiormente consapevole.

Saranno inoltre inasprite le pene per chi abbandona o commette violenza in danno degli animali, con rischio di detenzione fino a 5 anni e sanzioni fino a 75mila euro.


GLI ALTRI DIVIETI – Tutele significative anche per gli animali diversi dai pet.

La legge vieterà, infatti, di allevare visoni e altri animali per la produzione di pellicce.

Entro due anni entrerà in vigore anche il divieto all’acquisto e alla riproduzione di animali selvatici, mentre dal 2028 saranno banditi gli animali selvatici nei circhi e nei parchi acquatici.


TRAFFICO ONLINE – Da ultimo, previste norme specifiche anche per contrastare la vendita illegale via internet.

Attraverso l’istituzione di appositi organi di controllo verrà infatti contrastato il traffico illegale di specie protette, fragili, pericolose e inadatte ai territori di destinazione, oltre al crescente fenomeno dell’acquisto d’impulso.


LE REAZIONI – Non si sono fatti attendere i commenti celebrativi del mondo politico.

Christophe Castane, leader dei deputati del partito La République En Marche, ha parlato di “vittoria per la causa animale”, mentre il premier Jean Castex ha condiviso “l’orgoglio di tutti i parlamentari che hanno reso possibile questo testo”, riconoscendo il benessere animale come “preoccupazione centrale per i nostri concittadini”.

Anche la Fondazione Brigitte Bardot, attivissima in questi anni per accelerare l’approvazione della legge, ha celebrato una giornata definita “storica per il benessere animale”.

Aiutaci a costruire il mondo in cui le esigenze, gli interessi e la dignità degli altri animali saranno presi in considerazione e tutelati dalla legge.

LEGGI ANCHE

Pubblicata la nostra ricerca sulla macellazione rituale

Diffondiamo oggi un ampio dossier multidisciplinare destinato a far conoscere la problematica poco nota della macellazione rituale senza stordimento. Si tratta del più ampio...

I maiali potranno essere registrati come animali da compagnia!

A inizio mese è stata resa finalmente disponibile la possibilità di censire in anagrafe zootecnica suini o cinghiali non destinati alla produzione di alimenti....

Non è un pesce d’aprile! Il “benessere animale” è in serio pericolo

Un vero inganno: questa la denuncia portata avanti da una coalizione di 14 associazioni contro il decreto interministeriale prossimo all’approvazione con il quale verrà...

Attiviamoci contro le #BugieInEtichetta!

Insieme ad altre 13 ONG abbiamo lanciato lo scorso ottobre una campagna per chiedere la modifica della bozza di decreto ministeriale predisposta per l’introduzione...

Le nostre attività di ricerca presentate a Helsinki e Porto

Siamo lieti di informare che Animal Law Italia sarà alla conferenza "Theory of Animal Law" che si svolgerà il 17 e 18 giugno presso l'Università di Helsinki, con due relazioni rispettivamente a cura di Annalisa di Mauro e Daria Vitale. La dott.ssa Di Mauro, nostra...

Resta aggiornato!

Ricevi via email i principali aggiornamenti sul nostro lavoro e tutti i più importanti progressi dei diritti animali in Italia e nel mondo.

Rispettiamo la tua privacy e proteggiamo i tuoi dati personali. Leggi l'informativa.