Tartarughe terrestri: denuncia e regolarizzazione

In Italia abbiamo due specie di tartarughe terrestri che vivono in natura e sono allevate come animali semi-domestici, ma pochi sanno che dal 1992 è obbligatorio denunciare il loro possesso al Corpo Forestale-Servizio CITES e il termine ultimo per la denuncia era
il 31 dicembre 1995.

Come comportarsi quindi per denunciare e regolarizzare tartarughe di terra secondo la legge italiana?

• Per le tartarughe in possesso prima del 1995 non serve fare nulla.
• Per le tartarughe in possesso dopo il 1995 bisogna installare un microchip.

Per chi possiede una tartaruga domestica nata dal 1° Gennaio 1996, non denunciata, la legge dice che purtroppo la situazione non può essere regolarizzata dopo quella data.

L’Allegato A del regolamento comunitario n. 2724/2000, riferito al CITES, che è la Convenzione sul Commercio Internazionale delle Specie Minacciate di Estinzione, prevede che non si debba in alcun modo entrare in possesso di una tartaruga di terra nata in libertà e trovata all’aperto perché si commette un reato.

Le tartarughe selvatiche sono diventate rarissime. È per questo che prelevarle dal loro habitat naturale per metterle in un recinto privato è un reato.

Non regalate o comprate una tartaruga non in regola perché correrete il rischio perenne di multe esorbitanti.

Per essere sicuri di acquistare una tartaruga in regola dovrete accertarvi che abbia il codice C o D, questo vuol dire che le tue tartarughe sono figlie di tartarughe di prima generazione e possono essere commercializzate.

Quali documenti quindi sono necessari per detenere una tartaruga di terra legalmente?

  1. Avere il Documento CITES e il microchip.
  2. L’allevatore deve consegnare all’acquirente i documenti Cites relativi alle testuggini
    cedute nel momento in cui vengono date le tartarughe.
  3. Allevatore e acquirente devono compilare un modulo di cessione in duplice copia, di cui ne conversano una a testa.

Ci sono poi alcuni esemplari che possono essere solo movimentate ovvero spostate in un altro domicilio.

In questo caso, è necessario chiedere l’autorizzazione ai carabinieri forestali del Servizio CITES, compilando un modulo che riporterà i dati della tartaruga, dell’allevatore di provenienza e quelli dell’allevatore di destinazione.

Cosa sarà necessario predisporre invece per la nascita e la morte?

La denuncia di nascita e decesso in cattività degli esemplari è da fare entro 10 giorni dall’evento.

La denuncia si fa tramite raccomandata A/R ai Carabinieri CITES, ma occorre sempre ricordare che la denuncia di nascita si potrà fare solo se i genitori sono stati a loro volta denunciati, altrimenti non si può risolvere la situazione né dei genitori, né del piccolo.

Avere a casa esemplari di tartaruga non regolarizzata può portare a una denuncia penale e a pesanti sanzioni secondo la giustizia italiana.

In assenza di microchip o documento per il servizio certificazione CITES si rischia il sequestro delle testuggini e una denuncia penale.

Se invece si commerciano illegalmente queste tartarughe la legge stabilisce l’arresto da tre mesi a un anno e una multa decisamente alta.

Concludendo è meglio studiare nel dettaglio le azioni da compiere controllando le leggi in vigore, poiché potrebbero causare l’arrivo di una multa salata, e accertiamoci sempre sulla regolarità della compravendita e sulla presenza di tutti i documenti che per legge sono necessari.

Cristiana Cesarato
Cristiana Cesarato
Avvocata civilista in Torino e addestratrice cinofila di 1° livello ENCI. Blogger per passione e per difendere un grande sogno: il riconoscimento del diritto degli animali come un diritto costituzionalmente garantito.

Aiutaci a costruire il mondo in cui le esigenze, gli interessi e la dignità degli altri animali saranno presi in considerazione e tutelati dalla legge.

Leggi anche

Orsi problematici: annullate le Linee Guida di Trento

Con la sentenza n. 248 del 03.03.2022, pubblicata in data 17.03.2022, la Quarta Sezione del Consiglio di Stato è intervenuta ad annullare le “Linee guida per l’attuazione della legge provinciale n. 9/2018 e dell’art. 16 della direttiva Habitat”1. Il provvedimento avversato era stato emanato dalla Provincia Autonoma, con deliberazione di Giunta Provinciale n. 1091 del 25 giugno 2021, al fine di gestire la presenza degli orsi...

Resta aggiornato!

Ricevi via email i principali aggiornamenti sul nostro lavoro e tutti i più importanti progressi dei diritti animali in Italia e nel mondo.

Rispettiamo la tua privacy e proteggiamo i tuoi dati personali. Leggi l'informativa.