COMUNICATO STAMPA

Peste suina africana: 10 maiali di un rifugio rischiano di essere abbattuti nonostante le severe misure di biosicurezza. Le associazioni scrivono alle istituzioni e chiedono un incontro urgente con i decisori

Maiale nero
D. Apolinarski/Pixabay
CONDIVIDI
Facebook
LinkedIn
X
WhatsApp
Email

Al rifugio “Progetto Cuori liberi” di Zinasco, in provincia di Pavia, 10 maiali salvati da allevamenti o provenienti da contesti di maltrattamento rischiano di essere uccisi in quanto oggetto di un’ordinanza di abbattimento dell’ATS Pavia emessa a seguito della scoperta di un focolaio di peste suina africana presso la struttura. Tra questi, alcuni mostrano sintomi lievi ma sono in buone condizioni generali di salute. Venerdì scorso l’esecuzione dell’ordinanza è stata impedita grazie all’intervento di attiviste e attivisti che hanno “occupato” il santuario.

Per chiedere la salvezza degli animali, pochi e isolati dall’esterno con rigorose misure di biosicurezza, dodici associazioni attive nell’ambito della protezione animale tra le più rappresentative a livello nazionale (*) hanno inviato un’istanza urgente al Commissario Straordinario per la PSA e ai responsabili di settore del Ministero della Salute, della Regione Lombardia e dell’Ats di Pavia, nonché al sindaco di Zinasco.

Le associazioni chiedono un incontro alle autorità, finalizzato a trovare soluzioni concordate, che salvaguardino la vita dei suini ancora sani presenti all’interno del rifugio. I firmatari lanciano anche un appello rivolto ad ATS Pavia e alle altre autorità coinvolte nella vicenda: effettuare una nuova valutazione – questa volta specifica e in concreto e non soltanto astratta – circa l’effettivo pericolo che può derivare per il comparto zootecnico lombardo e nazionale dalla presenza di animali sopravvissuti alla PSA all’interno della struttura, anche alla luce delle misure di biosicurezza adottate dai gestori. Nella lettera, le associazioni fanno anche presente che gli animali si trovano in un “rifugio permanente”, un luogo che accoglie animali non destinati alla produzione alimentare, che vi restano per il resto della loro vita senza essere macellati. Tutti questi elementi, che non sono stati presi in considerazione nell’adozione dell’ordinanza di abbattimento, potrebbero far riconsiderare la sussistenza dei presupposti per l’emanazione del provvedimento.

Il TAR Lombardia ha fissato udienza il 5 ottobre per esprimersi sul ricorso contro l’uccisione dei suini, presentato da Progetto Cuori Liberi con il supporto di LAV, Vitadacani e LNDC Animal Protection. Per questo, le associazioni invitano le autorità «a non porre in esecuzione l’ordinanza di abbattimento degli animali prima dell’esito dell’udienza».

«La presenza di suini positivi al virus ma che non hanno ancora mostrato sintomi potrebbe costituire una preziosa occasione per effettuare delle osservazioni sul decorso della patologia da parte di personale medico veterinario diretta all’avanzamento della ricerca scientifica, nonché alla messa a punto di un protocollo di trattamento», scrivono le associazioni. «Lasciare in vita gli animali che hanno contratto il virus ma non mostrano sintomi è sicuramente più utile dal punto di vista analitico rispetto ad abbatterli, senza effettuare ulteriori studi, per un timore di diffusione del virus che potrebbe rimanere teorico qualora si continuassero a utilizzare le misure di biosicurezza dettate dalla ATS. Rischio che, peraltro, potrebbe essere quasi azzerato concordando l’introduzione di ulteriori rigorose misure di biosicurezza e il rispetto di precisi protocolli sanitari da parte delle persone che entrano a contatto con gli animali, che impediscano ogni possibilità di trasmissione accidentale dell’agente patogeno».

Leggi e scarica la lettera inviata dalle associazioni

(*) Le associazioni firmatarie della lettera aperta sono: Animal Equality Italia, Animal Law Italia, CiWF Italia, ENPA, Essere Animali, LAC – Lega Abolizione Caccia, Last Chance for Animals, LAV – Lega Antivivisezione, LEAL, LEIDAA, LNDC Animal Protection e OIPA Italia.

Antonella Paparella

Antonella Paparella

Responsabile dell'ufficio stampa di Animal Law Italia. Per scrivermi: media@ali.ong.

Ultimi comunicati

Non perderti i nostri aggiornamenti!

Iscriviti alla newsletter per ricevere aggiornamenti direttamente via email: comodo, no?

Dona il tuo 5x1000 ad ALI

Insieme possiamo cambiare il futuro degli animali