Gorilla di montagna: finalmente una notizia positiva!

La popolazione di gorilla di montagna è sempre più ridotta e questa specie è a un passo dall'estinzione ma per fortuna ogni tanto ci sono buone notizie!

Nei giorni scorsi il mondo ha pianto per la morte di Rafiki, un maschio di gorilla di montagna di 25 anni di età che viveva nel Parco nazionale di Bwindi in Uganda.

Una foto di Rafiki

Rafiki (che era il capo del gruppo Nkuringo, composto da appena 17 individui) sarebbe stato ucciso da un bracconiere, che non nega l’atto criminale ma sostiene di aver colpito per legittima difesa, solo dopo che lui e il suo gruppo di altri tre cacciatori di frodo sono stati aggrediti.

I quattro sono stati arrestati e nelle loro abitazioni sono stati scoperti attrezzi per la caccia di frodo. Rischiano l’ergastolo o una sanzione fino a 5,4 milioni di dollari, considerato che questa specie è in pericolo di estinzione.⁠

Oggi l’organizzazione Gorilla Doctors condivide sui social una buona notizia, che ci rincuora almeno in parte: il 9 giugno mamma Karibu ha dato alla luce il suo piccolo! Entrambi sono in perfetta salute e vengono tenuti sotto controllo dai veterinari.⁠

Il lieto evento si è verificato nel parco nazionale di Virunga, nella Repubblica Democratica del Congo, dove vivono diversi gruppi di gorilla di montagna, la cui popolazione complessiva — suddivisa in diversi gruppi non sempre in armonia tra di loro — si stima si sia ridotta a meno di 700 esemplari. Inutile dire che il principale pericolo per i gorilla è rappresentato dalla nostra specie: caccia, distruzione dell’habitat e guerre hanno decimato la popolazione di questa sottospecie, spingendola a un passo dall’estinzione.⁠

Foto di copertina: Gorilla Doctors

Aiutaci a costruire il mondo in cui le esigenze, gli interessi e la dignità degli altri animali saranno presi in considerazione e tutelati dalla legge.

LEGGI ANCHE

La sofferenza dei conigli allevati in gabbia per la carne

La coalizione italiana a sostegno dell'abolizione delle gabbie negli allevamenti diffonde oggi una nuova investigazione realizzata in sette allevamenti italiani di conigli da carne...

Stop pellicce in Europa: un obiettivo sempre più credibile

Lanciata oggi una nuova Iniziativa dei Cittadini Europei che chiede di mettere al bando in via definitiva produzione e commercializzazione di pellicce in tutta l'Unione Europea.

Le nostre attività di ricerca presentate a Helsinki e Porto

Siamo lieti di informare che Animal Law Italia sarà alla conferenza "Theory of Animal Law" che si svolgerà il 17 e 18 giugno presso...

Pubblicata la nostra ricerca sulla macellazione rituale

Diffondiamo oggi un ampio dossier multidisciplinare destinato a far conoscere la problematica poco nota della macellazione rituale senza stordimento. Si tratta del più ampio...

Il nostro 2022: un anno di grandi passi in avanti!

Tanti i nuovi progetti avviati, in un'ottica di lavoro interdisciplinare e collaborazione strategica con partner italiani ed europei.

Resta aggiornato!

Ricevi via email i principali aggiornamenti sul nostro lavoro e tutti i più importanti progressi dei diritti animali in Italia e nel mondo.

Rispettiamo la tua privacy e proteggiamo i tuoi dati personali. Leggi l'informativa.